Connect with us

Padel Inside

Aviva di Joe Lewis, lo yacht con il campo da padel

E’ del bilionario imprenditore e presidente del Tottenham: 98 metri

Quest’estate non sono di certo mancati i mega yacht tra le coste italiane. Dopo aver visto in Sardegna l’Azimut Grande di Ronaldo e Solaris, che è il nuovo «gioiello» da 500 milioni di euro del patron del Chelsea Roman Abramovich, è appena arrivato sulle coste pugliesi, dopo averlo avvistato in Croazia, un altro panfilo da bilionario: l’Aviva di Joe Lewis, imprenditore presidente del Tottenham, con un patrimonio di cinque miliardi di dollari. 98 metri, Aviva è tra i 50 mega yacht più grandi del mondo, ed è un vero e proprio palazzo galleggiante: sei piani, è in grado di ospitare fino a 16 persone (più 25 di equipaggio) in otto cabine enormi e spettacolari, cominciando dalla suite armatoriale che comprende anche una spa e una cabina armadio ispirata alle boutique più esclusive.

A riportare la notizia è il sito gqitalia in un articolo di Fabiana Salsi. A bordo ci sono diversi saloni e sale da pranzo più intime, tutti circondati da vetrate e con finiture e complementi extralusso, come dettagli in pelle, in marmo e opere d’arte. Tra i tanti spazi per il relax a bordo di Aviva ci sono un bar e una sala cinema, e inoltre c’è un maxischermo anche sul ponte principale per stendersi e guardare film sotto le stelle in mare aperto. Sul ponte a prua, invece, c’è un idromassaggio perfetto da godersi dopo un tuffo. La vera sorpresa, però, è il campo da padel regolamentare (che all’occorrenza si trasforma in palestra o campo da calcio): una specie di chiodo fisso per l’ultraottantenne Joe Lewis, grande appassionato di questo sport.

Costruito nel tempo record di tre anni (un’imbarcazione di questo tipo normalmente ne richiede almeno cinque) a Lemwerder dal cantiere navale tedesco Abeking e Rasmussen, Aviva è stato progettato dallo studio britannico Reymond Langton e – oltre che un capolavoro del design – è un capolavoro dell’ingegneria. Il mega yacht del patron del Tottenham viaggia infatti a 11 miglia all’ora sfruttando solo i motori elettrici, ha una lunga prua coperta che lo rende resistente anche alle onde anomale, e un sistema di controllo che lo rende particolarmente stabile. Il prezzo? 200 milioni di euro.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PADELWEEKLY

Da Leggere

More in Padel Inside